“IL TERRITORIO RIPENSATO e i nuovi patrimoni”: questo il tema del convegno – promosso dalla Diotima Society, in collaborazione con la Fondazione Alario – che si terrà il 21 ottobre all’EXPO di Milano, presso il padiglione KIP.

Una giornata dedicata alla presentazione di due nuovi “Quaderni di Diotima” – editi dalla Fondazione, rappresentata ad EXPO dal Presidente Marcello D’Aiuto – con una serie di incontri che vedranno incrociarsi visioni diverse sul tema della biodiversità, il cui ruolo chiave è sottolineato dall'”applicazione del concetto di territorio generativo al Cilento, terra di Elea”, ripensata e presentata come Experimental Lab for Ecosystemic Advancement.

“Ripensare i territori come sistemi aperti, stelle polari con relazioni multiple ed estese, non ambiti delimitati da confini – spiega Paolo Zanenga, Presidente della Diotima Society – rappresenta il modello da seguire per innescare per una rivoluzione spaziale, antropica, tecnologica, sociale, economica molto più profonda e radicale di quella aperta dai viaggi oceanici, dal sistema copernicano o dalle successive rivoluzioni industriali”.

“La grande metafora di questa rivoluzione – continua Zanenga – è il passaggio dal modello della macchina al modello del vivente, in cui la diversità, la molteplicità di fattori ricombinabili è la condizione della vita. Studiare la biodiversità non è importante solo per trarne risorse ancora sconosciute, ma per comprendere gli equilibri dinamici”.

PROGRAMMA DEL CONVEGNO

Articolo su Info Cilento – Il portale d’informazione del Cilento

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *