La Fondazione e il MiBACT

Dal 2013 la Fondazione Alario riceve i contributi annuali della Direzione Generale per le Biblioteche, gli Istituti culturali e il Diritto d’Autore del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali [da gennaio 2015 DGBIC, Direzione Generale Biblioteche e Istituti Culturali, che ne riceve l’eredità] , nella sua qualità di istituto culturale che

  • svolge la sua attività sulla base di una programmazione triennale
  • presta rilevanti servizi in campo culturale
  • promuove e svolge attività di ricerca, di organizzazione culturale e di produzione editoriale a carattere scientifico.

Per la DGBIC del MiBACT gli Istituti Culturali rappresentano un settore di particolare rilevanza in virtù della loro importanza quali significativi centri di studio, di approfondimento e di promozione culturale. Essi rappresentano elementi essenziali di pluralismo culturale, ed offrono alla comunità sociale un servizio che va sostenuto e valorizzato, assicurando loro la possibilità di operare secondo i principi, costituzionalmente riconosciuti, dell’autonomia e della libertà.

In forza di tale missione istituzionale, la DGBIC ha erogato – dal 2013 al corrente esercizio – i contributi straordinari ai sensi dell’art. 8 della Legge n° 534/1996 per il sostegno alle attività istituzionali della Fondazione, ed ha finanziato – a valere sulla circolare 108/2012 – la pubblicazione dei volumi della collana Eleatica. Ha, inoltre, sovvenzionato – ai sensi della normativa per le biblioteche non statali – le attività di catalogazione in SBN del patrimonio bibliografico della Biblioteca Specialistica Alario.

E’ in istruttoria presso gli uffici della Direzione Generale la richiesta di inserimento della Fondazione nella tabella degli istituti culturali nazionali per il triennio 2018-2020, che coronerebbe la trentennale attività del nostro Ente nel campo della promozione della cultura.

 

link al sito della DGBIC del MiBACT